martedì 26 agosto 2014

RECENSIONE DELLA VINCITRICE DEL BLOG TOUR

OGGI VI POSTO LA RECENSIONE  SU AMAZON DELLA VINCITRICE DEL BLOG TOUR DI EMILY NOIR!!! GRAZIE MILLE Ramona Bottoli!!! 











DA PARTE DI RAMONA:

 Grazie a te...lo sapevo che il tuo libro nn mi deludeva e ho ancora impresso le immagini nella mente come se lo stessi rileggendo....bravissima Valeria De Luca

VI RICORDO CHE L'EBOOK DI EMILY NOIR POTETE TROVARLO SU AMAZON!

€ 1, 53

Leggi le altre recensione di Emily Noir


lunedì 25 agosto 2014

Recensione Emily Noir (Blog Le Tazzine di Yoko)

Buongiorno,
Vi voglio segnalare un'altra recensione sul mio romanzo "Emily Noir. Incubi in Monastero"...
EMILY NOIR EBOOK
LO TROVI SU AMAZON


Per leggere tutte le recensioni di "Emily Noir" vai alla seguente pagina del mio blog:
http://valeriadeluca1981.blogspot.it/p/emily-noir-incubi-in-monastero-romanzo.html

La povera Emily diventa così “sorella Emily” e, anche se non ha nessuna voglia di diventare una suora, finchémadre badessa-le tazzine di yoko resterà ospite del monastero dovrà seguire le rigide regole imposte da Madre Badessa. Madre Badessa è il capo indiscusso del monastero, nessuno osa mettere in dubbio i suoi ordini. Così, Emily si vede tagliare i capelli, e costretta a vestirsi da suora e a seguire la rigida vita monacale fatta di preghiere e lavoro. Per fortuna, la ragazza finisce in cella assieme alla giovane Aurora. Aurora è una brava ragazza anche se, forse, un pò troppo remissiva, Emily, al contrario, non ha alcuna intenzione di stare in silenzio a subire i soprusi che Madre Badessa vorrebbe imporle. Parlando con Aurora, Emily viene a scoprire che nel monastero è successo qualcosa d’inquietante. Sorella Margaret è scomparsa.
Una settimana fa, dal monastero, è scomparsa sorella Margaret, si era inoltrata nel bosco, mi aveva confidato di avere un appuntamento importante con dio. Non è più tornata nel monastero.”

CONTINUA A LEGGERLA SUL BLOG:


sabato 23 agosto 2014

Recensione L'estate della Paura - Dan Simmons



L'Estate della Paura
Dan Simmons


Titolo: L'estate della Paura
Autore: Dan Simmons
Casa Editrice: Gargoyle 2012
Pag. 632
Acquistalo su IBS
Sinossi:
Elm Haven, Illinois, 1960. È estate, la scuola è appena finita e cinque ragazzi di 12 anni stanno cementando un'amicizia che durerà tutta la vita e assaporando i primi, timidi corteggiamenti alle loro coetanee. Ma, fra i giochi in mezzo ai campi di grano assolati e le spensierate corse in bicicletta, qualcosa si nasconde in agguato. Una mostruosa entità senza tempo sta mietendo vittime fra i ragazzi della Old Central School, e gli adulti o rifiutano di capire quel che sta succedendo o sono essi stessi emissari di quel Male. Toccherà proprio a quei cinque amici indagare sulla natura di quell'incubo tremendo e affrontare il mostro, prima di finire anche loro preda della sua rapace avidità. E così Mike, Duane, Dale, Harlen e Kevin vivranno il loro passaggio all'età adulta lottando contro un arcano abominio che infesta le ore del buio... 


5 Teschi (Capolavoro)



La Old Central School si ergeva ancora imponente, racchiudendo saldamente all'interno i propri silenzi e i propri segreti.
... Il vetro che assorbe il sole. E, al di là, l'aria azzurra e profonda, che non mostra Nulla, che non è da nessuna parte, che non ha fine.

Tempo fa, in un'altra recensione, scrissi:


Domani  restituirò il libro a mia zia.. ma lo comprerò perché un domani potrei tornare ad aver voglia di entrare di nuovo nella Old Central School di Elm Haven.

E l'ho comprato! Sono tornata di nuovo tra quelle mura oscure... ne sentivo il bisogno!
Ho voluto leggere di nuovo questo romanzo nel periodo estivo. La storia inizia con l'ultimo giorno di scuola e continua per tutta l'estate che si svolgerà a Elm Haven. Ho respirato con loro l'aria estiva, aria calda, momenti di pioggia, nubi inaspettate.
Camminavo per strada e vedevo i ragazzini in bicicletta, giocare ai giardini come non pensare a loro? Alla Pattuglia Ciclistica? Sì... è così che si fa chiamare questo gruppetto di ragazzini che si fanno strada verso l'adolescenza... i loro corpi stanno cambiando, si cominciano a provare nuove emozioni, i primi amori... ma nel frattempo c'è ancora la voglia di giocare come ai vecchi tempi. Ai ragazzini piace girovagare con le loro biciclette alla ricerca di problemi che riguardano Elm Haven. Si riuniscono... fanno riunioni... Sto parlando di Dale, Lawrence, Duane, Jim, Kevin, Mike,amici da sempre...
Qualcosa sconvolge la cittadina, la scomparsa di un compagno di scuola all'interno della Old central School... il Camion della raccolta guidato dallo stranissimo custode della scuola e del cimitero Van Syke... sembra avercela con loro... strane creature sono collegate con la scuola.
Che dire dei personaggi? Sono descritti alla perfezione sia fisicamente che caratterialmente. Dan Simmon è spettacolore nei dettagli... anni fa ho amato questi dettagli e ritrovarli è stato fantastico! Non ci sono molti scrittori che elaborano gli elementi in questo modo, a volte sono troppo frettolosi tralasciando, magari, qualche dettaglio che potrebbe far chiarezza al lettore, altre volte ci sono scrittori logorroici... scrivono, scrivono e scrivono ancora a volte anche ripetendosi inutilmente... mentre lui è veramente bravo nel suo lavoro, lo fa con amore e convinzione. Mi sono legata particolarmente a un personaggio: Duan McBride.
Duane è il più intelligente del gruppo, legge tantissimo e sogna di fare lo scrittore... sarà lui a intuire che dietro a questi strani eventi si cela qualcosa di malefico, qualcosa che viene da molto lontanto... dalla storia... si tratta della Campana dei Borgia, addormentata parecchi anni fa e forse qualcuno l'ha risvegliata dal suo letargo. Duane è diverso dagli altri è in sovrappeso, ha il vizio di tirarsi su gli occhiali da vista in continuazione e anche d'estate indossa camice di flanella, ha perso la mamma da piccolo e suo padre è alcolizzato... ha un gran feeling con suo zio Art e con Dale... vive in una casa di campagna e oltre a leggere e studiare, sbriga i lavori sui campi di granturco. Mi è piaciuta la sua intelligenza... mi è andato subito in simpatia... forse abbiamo la versione di un Dan Simmons piccolino... così diverso dal resto del gruppo, ma così intelligente da esser superiore ai loro cervelli uniti.
Il confronto certo più significativo per la costruzione e l'elaborazione del testo, che fece storcere il naso a qualche critico, rimane quello con "IT" di Stephen King, tanto simili appaiono alcuni spunti ma, prima ancora se possibile, gli ingranaggi e le molle segrete dei due romanzi, nonché le ragioni profonde che vi sottostanno: il ciclico riaffacciarsi del Male, il patto che lega gli adepti, coscienti che solo il rimanere uniti potrà sconfiggerlo; si badi, in entrambi i casi c'è una sola presenza femminile nel gruppo, il balordo sadico e violento che li terrorizza e cerca di ostacolarli, e via enumerando.
Sicuramente e ne sono sicura al 100% Dan Simmon è stato influenzato da King e dal suo capolavoro "IT" non è possibile non notarlo.
Di questo romanzo c'è un seguito"L'inverno della Paura". Ho deciso di leggerlo di seguito a questo... in modo da non perdermi neppure uno dei preziosissimi dettagli di Simmons. Posso anticiparvi che uno ragazzino della Pattuglia Ciclistica tornerà a Elm Haven....
Ho votato 5 teschietti perché ritengo che questo libro sia un vero capolavoro Horror e pazienza se somiglia tanto a It... forse è proprio per questo motivo che questo romanzo è entrato nel mio cuore!
Ora vi lascio alcuni estratti del romanzo:

La notte, quando stava per scivolare nel sonno, Dale si trovava a pensare che adesso il suo amico esisteva soltanto come una manciata di cenere, e quel pensiero lo induceva a sollevarsi a sedere sul letto con il cuore martellante per la profonda realizzazione che l'universo era sbagliato.

***********

Dale lasciò vagare lo sguardo sui campi che si stendevano verso est, oltre l'orizzonte bordato di alberi sfumati dalla caligine, e immaginò che laggiù ci fosse Peoria - distante sessanta chilometri, al di là di colline, valli e tratti di bosco, adagiata nella sua valle fluviale e scintille di mille luci - solo che laggiù non c'era traccia di bagliori, c'era soltanto l'orizzonte sempre più buio, e lui non riusciva veramente a immaginare la città. Invece, sentiva il sommesso frusciare e sussurrare del granturco; dal momento che non c'era brezza, si disse che forse quello era il suono che produceva crescendo, salendo verso l'alto fino a diventare il muro che presto avrebbe circondato Elm Haven, isolandola dal mondo.



Leggi le mie recensioni:




Recensione Il Miglio Verde - Stephen King

Il Miglio Verde
Stephen King



Autore: Stephen King
Titolo: Il Miglio Verde
Prezzo: € 11,90
Pag. 608
Editore: Sperling & Kupfer
Acquistalo su IBS

*****

A volte all'improvviso il passato ti ritorna addosso, che tu lo voglia o no. È sciocco. Di solito il braccio della morte si chiama l'ultimo miglio. Il nostro lo chiamavamo miglio verde.



Capolavoro il libro, capolavoro il film!!!
Non pensavo avrei provato tante emozioni leggendo un libro di cui ho visto il film non so più quante volte... 

eppure è un libro capace di far scendere le lacrime anche ai meno sensibili... 

L'addio del Signor Jingles a Delacroix, La morte di John Coffey un nero innocente.... 

Perché è così che vuole farci vedere King... perché è vero che la maggior parte dei condannati a morte sono neri e a volte anche innocenti!!! 
Io la vedo così! E' orribile pensare che un tipo come John Coffey, innocente ma addirittura un dono di Dio..... possa morire su una sedia elettrica! 
Non mi è piaciuto come si è comportato Paul in questo senso... avrebbe dovuto fare di più! Avrebbe dovuto dire al direttore che Coffey era innocente e per di più sapeva che era un miracolo, aveva salvato la vita di sua moglie.... 
Ma Paul... ormai troppo vecchio rivive quei momenti all'ospizio, e tutto torna al '32... l'ospizio sembra il penitenziario di Cold Mountain, l'inserviente Brad sembra Percey guardia carceraria che si trovavi lì solamente grazie ad un parentela con il governatore... questo personaggio è odioso a dir poco! 
King è grandioso con i personaggi.... te li fa vivere... 
Paul ha superato i 100 anni, forse gli è stata donata tanta vita dalla forza trasmessa dalle mani di Coffey... però anche lui ha visto le sue atrocità: la morte dei suoi amici, la morte della moglie in un incidente... dal quale lui ne uscì illeso! Non la chiamerei vendetta... ma qualcosa che ci si avvicina molto!
Questo è un libro che non dovrebbe mancare in nessun scaffale di libreria! E' stupendo e magico allo stesso tempo!!!

Lui le ha uccise con il loro amore. È così che va tutti i giorni, in ogni parte del mondo. (John Coffey)

Recensione Doctor Sleep - Stephen King

Doctor Sleep
Stephen King

Autore: Stephen King
Titolo: Doctor Sleep
Prezzo: € 19,90
Pag. 516
Editore: Sperling & Kupfer
Acquistalo su IBS
*****

La Luccicanza... torna tra le pagine di Stephen King

Il bambino che correva con il triciclo per i corridoi dell'Overlook Hotel, ora è adulto e sembra non essere una persona forte e responsabile. Ha ereditato dal padre l'amore per la bottiglia... ma andando avanti con le pagine troveremo Dan sempre più diverso. La forza interiore riesce a uscire fuori e a dare sfogo a un altro Dan... sicuramente un Dan migliore.
Non è un capolavoro come Shining e la parte iniziale è migliore di quella finale. Ho notato che da quando traduce Giovanni Arduino i romanzi di King sembrano diversi... è vero che lo stesso King ha scritto, nelle note dell'autore, che è stato aiutato da sua moglie Tabitha e da suo figlio Owen... magari alcuni particolari non sembrano scritti da lui perché fonti di altre menti in famiglia. Ma sono più sicura che l'ha scritto King in persona... ci sono della frasi, quel suo modo di scrivere che solo chi legge King da una vita sa che è farina del suo sacco. Ho dato quattro stelline a "Doctor Sleep" ma non piene, perché ripeto, il finale non mi è andato a genio. La parte iniziale grandiosa ma nel finale è andato a calare. Il personaggio di Rose Cilindro, una perfetta 'stronza', creato benissimo nei minimi particolari, anche se mi risultava antipatica, ma è ovvio il cattivo a volte rimane un po' sulle scatole, a parte It il pagliaccio, ha un certo fascino e mi è sempre piaciuto, pur essendo un cattivo! La lotta tra il bene il male. Tra chi possiede la luccicanza e chi se ne ciba per vivere, per avere una vita immortale, e qui stiamo parlando di Rose Cilindro e il suo seguito... IL VERO NODO. Girano su camper maestosi in cerca di bambini che possiedono la luccicanza per cibarsene... dei veri mostri, dei vampiri che si nutrono di VAPORE... loro lo chiamano così.
E' un buon libro da leggere e sicuramente lo consiglio... per chi non lo avesse ancora letto non aspettatevi un King terrificante come in "Shining" ma sicuramente una lettura che vi terrà sulle spine e a volte vi addolcirà come solo King sa fare... tra terrore e dolcezza.

giovedì 21 agosto 2014

Vincitore Blog Tour Emily Noir!

Ciao a tutti...
eccomi qui a svelare chi ha vinto il Blog Tour di Emily Noir!
Ci sono stati diversi commenti nelle varie tappe del Blog Tour, ma solo una persona ha dimostrato costanza e ha lasciato i commenti in tutte le tappe.

LA VINCITRICE E' RAMONA BOTTOLI!

SPERO LE PIACCIA QUESTO EBOOK E CHE MAGARI NE PARLI BENE E CONVINCA ALTRI LETTORI AD ACQUISTARLO... IN FONDO COSTA SOLO € 1.53 ;)
VI SALUTO A TUTTI  RINGRAZIO LE BLOGGER PER LA LORO DISPONIBILITÀ' E GENTILEZZA!! AL PROSSIMO BLOG TOUR!! 


mercoledì 20 agosto 2014

10° Tappa Blog Tour

10° tappa del blog tour! Siamo arrivati alla fine! La blogger vi parlerà del Monastero! Non perdete questa tappa bellissima! Siete ancora in tempo per partecipare al Blog Tour! Commentate le varie tappe... Buona Lettura e vinca il migliore!

Monastero Cuore Spinato

Acquista l'ebook su Amazon

9° Tappa Blog Tour

9° TAPPA DEL BLOG TOUR DI EMILY NOIR! SCUSATE IL RITARDO!!


Se ti intriga acquista l'ebook su Amazon

venerdì 15 agosto 2014

Stralcio Cap.2 Emily Noir

BUON FERRAGOSTO!! Oggi voglio farvi un regalino... voglio regalarvi uno stralcio del capitolo 2 di "Emily Noir. Incubi in Monastero".







Emily ricevette uno schiaffo da Madre Badessa, ci mise tutta la sua cattiveria. Il rossore sulla guancia lo sentì bruciare forte e le lacrime scivolarono giù.
«Basta Piangere! Ora venga con me!»- urlò Madre Badessa.
La afferrò per un braccio e la portò all'interno di una camera situata nei sotterranei.
All'interno c'era solamente una sedia, un carrello con delle forbici e un rasoio di lato una scopa ma quel che fece sbarrare gli occhi a Emily furono dei grandi sacchi pieni di capelli. Iniziò a urlare, a scalpitare. Entrarono due monache, la trattennero e con la corda la legarono alla sedia. Cominciarono a tagliarle i primi riccioli, Emily a testa china non aveva più lacrime da versare. Madre Badessa la osservava, a braccia conserte, con uno sguardo di trionfo.

Una delle due monache iniziò con il rasoio. Passata una mezzoretta, Emily, non aveva più un ricciolo profumato sulla sua testa. Non aveva nemmeno uno specchio per potersi guardare. Le rimisero il velo, la slegarono dalla sedia. Emily si alzò dalla sedia e guardò con gli occhi rossi e gonfi dalle lacrime Sorella Marié

Emily Noir. Incubi in Monastero
potete trovarlo su Amazon
Entrate nel lugubre Monastero di Emily Noir!

giovedì 14 agosto 2014

Stralcio Emily Noir


Era giunta l'ora della ricreazione. Emily uscì dal monastero per passeggiare nel giardino che sembrava fatato. Un immenso profumo di fiori la avvolse: margherite, rose, violette, erano musica per il suo olfatto. Emily si mise seduta sul prato e iniziò a fantasticare con la mente, piano, piano i suoi sogni presero vita. Immaginò di avere accanto il suo principe azzurro, che la teneva per mano e le dichiarava amore eterno. A un tratto si sentì osservata, si svegliò da quell'incantevole sogno e vide che Sorella Aurora guardava dalla sua parte e le sorrideva. Emily si alzò e la raggiunse.

Tratto dall'ebook "Emily Noir".
Acquistalo su Amazon


mercoledì 13 agosto 2014

RECENSIONE IL MIGLIO VERDE

Buongiorno Lettori e Lettrici,
Oggi voglio farvi leggere la recensione che ho scritto su "Il Miglio Verde" un libro stupendo di Stephen King.



A volte all'improvviso il passato ti ritorna addosso, che tu lo voglia o no. È sciocco. Di solito il braccio della morte si chiama l'ultimo miglio. Il nostro lo chiamavamo miglio verde.


Continua a leggerla...

VI AUGURO BUONA LETTURA!

martedì 12 agosto 2014

8° TAPPA BLOG TOUR



8° TAPPA DEL BLOG TOUR DI EMILY NOIR. OGGI SI PARLERÀ' DI MADRE BADESSA. UN PERSONAGGIO OSCURO, PERFIDO, CATTIVO... SCOPRITELO DA VOI...

MADRE BADESSA

VI RICORDO CHE L'EBOOK DI EMILY NOIR SI TROVA SU AMAZON
AL PREZZO DI € 1,53
CLICCA QUI
ENTRATE NEL MISTERIOSO MONASTERO!!

venerdì 8 agosto 2014

6° TAPPA BLOG TOUR



6° TAPPA DEL BLOG TOUR DI EMILY NOIR. OGGI SI PARLERA' DEL PERSONAGGIO DI AURORA, LA MONACA CHE DIVENTERA' LA MIGLIORE AMICA DI EMILY (LA PROTAGONISTA) COME AL SOLITO, COMMENTATE NEL BLOG SE VOLETE ESSERE ESTRATTI ALLA FINE PER L'EBOOK!

Sorella Aurora

Acquistalo su Amazon a € 1,53
clicca qui




giovedì 7 agosto 2014

Nuove News

Il racconto "Legami" un Thriller con un pizzico di eros è stato
inviato per un concorso con a tema il Bondage e Roma. Speriamo di rientrare nella raccolta! Alle prossime News!


martedì 5 agosto 2014

sabato 2 agosto 2014

venerdì 1 agosto 2014

Musica e Stralcio del romanzo "Le Lenzuola Nere di Khloe"

Con questa canzone scrissi il capitolo 17 "Il Sexy-Dance" del mio romanzo "Le Lenzuola Nere di Khloe"... se avete il libro vicino... perché non rileggere il capitolo con questo sottofondo? FIDATEVI DI ME!!

Dal romanzo Le Lenzuola Nere di Khloe: (tratto dal 17° Capitolo)

Parcheggiarono davanti al locale, la scritta “Sex-Dance” brillava di una luce fucsia fosforescente.
Entrarono, il bancone del bar era lungo e largo, con sopra dei pali, dove le spogliarelliste si esibivano nei loro numeri. Ai lati c'erano delle sale privè, nascoste da tende di velluto rosse, le luci erano a intermittenza, variavano di colore, dalla luce porpora a quella fucsia, dal colore rosso a quello rosa. L'atmosfera era magica. Più avanti c'era un palco, a breve si sarebbe esibita la ballerina più famosa del locale. Al lato del palco c'erano delle scale a chiocciola, si saliva alle camere. La musica era assordante e nell'aria c'era molto fumo. Khloe era estasiata da quel locale.